Copy

Settembre, insieme

Sei anche tu tra noi, quell* che sentiamo settembre come un mezzo Capodanno?
La testa ancora a metà nelle ferie, più o meno lontane, e le mani su tastiere, fogli, app dello smartphone, gruppi che ripartono e appuntamenti presi prima. Cioè, nella scorsa vita.
Riprendere è spesso sia malinconia che entusiasmo, e la seconda emozione certo dipende molto dalla relazione che abbiamo con la vita che abbiamo messo in atto, con il contesto in cui ci siamo reimmersi alla ripresa.
Può anche capitare di ritrovarsi in una situazione alla 'così tante cose da fare e così poco tempo/energia/voglia di farle'. Niente di strano: riprendere è complesso - è evidente anche solo dalla parola, che dice 'prendere di nuovo': le redini, il ritmo, il filo del discorso.

Nel nostro, singolarmente

Riprendere è complesso in tutti i momenti dell'anno e della nostra esperienza, in effetti. Dopo una pausa, dopo un cambiamento esterno e - forse persino di più - dopo un cambiamento in noi. Aiuta non farlo da sol*.

Una persona che ci accompagna nella cura, anche nella cura di noi stessi, è un sostegno importante. Un insieme di persone con cui puoi condividere la fatica, e poi la gioia, può fare la differenza, tutti noi lo sperimentiamo da sempre, ogni giorno.

Nel nostro, come comunità

Vale anche se parliamo di collettività e comunità, piccole o grandi: 'ripresa' è anche il termine più frequente su giornali e in trasmissioni, intesa come un rifiorire delle attività economiche ma che - per noi, almeno - non può mai essere pieno rifiorire se non consideriamo una ripresa umana e umanistica delle nostre comunità. 

Tra due settimane inizieranno gli eventi del Festival dello Sviluppo Sostenibile, per diffondere la cultura della sostenibilità, che è economica e ambientale ma, secondo noi, prima di tutto sociale. L'obiettivo è realizzare il cambiamento che serve per essere davvero in grado di attuare l'Agenda 2030 e delle Nazioni Unite e centrare i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs).

Partecipiamo anche noi, anche quest'anno. La nostra proposta è accendere Dialoghi sull'Utopia realizzabile. Esploreremo quel che per utopia intendiamo, quale l'orizzonte verso cui muoverci e magari come renderla realizzabile. Proveremo a costruire un significato collettivo e a tracciare una direzione comune, aiutati dalla metodologia del Caffè filosofico (qui trovi il programma).

Utopico orizzonte?

Come sappiamo 'utopia' è una parola recente, inventata da Thomas More che così battezzò un'immaginaria isola in cui proiettava il sogno rinascimentale che poneva la cultura al centro della società civile e alla base della pace.

La parola deriva dal greco οὐ ("non") e τόπος ("luogo") e significa "non-luogo".
Ma More parallelamente, creò un altro neologismo, eutopia, derivato dal greco εὖ ("buono" o "bene") e ancora τόπος ("luogo"), che significa quindi "buon luogo". 

Un gioco di parole che include entrambi i significati, quasi a concludere che un buon luogo sia però anche un non luogo, una situazione irrealizzabile.

Eppure, pensarci insieme, come parte della comunità, potrebbe fare la differenza. Se smettessimo di pensare mio opposto a tuo e cominciassimo a ragionare in termini di mio e anche tuo, l'utopia potrebbe farsi realizzabile.

Come nell'sola di More, come per il Bauhaus, come seguendo gli SDGs.

Così anche il coaching

Anche se sembrano ragionamenti differenti, essere insieme ha un grande impatto anche nei percorsi di coaching, e tutto sommato, per le stesse ragioni che abbiamo portato finora.

Insieme meglio che da soli, cioè con altre persone che compiono un percorso analogo - come nel caso dei group coaching, percorsi 'comunitari', dialogici e condivisi su un determinato tema.

Insieme è anche la relazione che si crea tra coach e coachee, due persone che si riconoscono, si accolgono vicendevolmente e, sulla base di questa relazione, intraprendono un percorso in cui una delle due si trova a compiere il suo personalissimo percorso sentendo l'accompagnamento e sostenuta dalle competenze professionali (e umane) dell'altra.

Nel modo in cui facciamo coaching, che definiamo anch'esso filosofico, si realizza a tutti gli effetti, una partnership attraverso la quale una persona viene sostenuta nella realizzazione del percorso di tras-form-azione che desidera intraprendere sia nel campo della vita più strettamente professionale che in quello personale.

E questo è particolarmente prezioso quando non sai bene qual è l'obiettivo che vorresti o dovresti porti, quando ne hai scelto uno ma non sai se è 'quello giusto' per te, quando non sai se potrai arrivarci o come farlo. In tutti questi casi, specchiarti nella persona accanto a te e farti sostenere dalle sue competenze può fare la differenza.

Consapevole che il coaching, come nessun'altra cosa, non è la bacchetta magica che risolve tutto in un attimo. Non ha tutte le risposte ma certamente può aiutarti a farti le domande giuste, e ovviamente giuste per te.

Solo agendo insieme si può aspirare a raggiungere risultati concreti. Un articolo di Pamela D'Andrea che ci accompagna nelle utopie della storia dell'arte e della nostra cultura.
Ci incontreremo a Roma, il 29 settembre, a Milano, il 6 ottobre e a Reggio Emilia, il 13 ottobre. Sempre dalle 18 alle 21. Iscriviti gratuitamente con una email a info@bottegafilosofica.it.
Bibliografia di questa Pausa. Il sito del Festival dello Sviluppo Sostenibile, organizzato da Asvis, e i nostri tre eventi a Roma, Milano e Reggio Emilia
Al prossimo mese e, se hai bisogno, siamo qui.
Spazi dell’anima
Chi siamo
Spazi dell'anima è l'ambiente di Bottega Filosofica dedicato alle persone. Un luogo di 'resistenza del pensiero' per chi desidera prendersi cura di sé e di migliorarsi, per rendere migliore il Mondo.

È un laboratorio filosofico-sistemico di sviluppo personale e innovazione sociale: utilizziamo i metodi e gli strumenti della filosofia e del pensiero sistemico per aiutare le persone a scoprire e mettere in luce la propria essenza e apprendere e coltivare stili di vita più felici.

Crediamo che ognun* di noi abbia dentro di sé le risorse per affrontare anche le sfide più grandi. Per questo ci piace accompagnarl* mentre sviluppa la sua antifragilità, con il coaching individuale o con uno dei percorsi di gruppo di Blossom Academy.
Per condividere, chiedere informazioni o chiarimenti, per parlare con noi e per sapere cosa bolle in pentola, ci trovi su Instagram Facebook. Pausa. è il nostro modo di offrirti un'occasione per prenderti cura di te e staccare da tutto il resto. Se pensi che possa fare bene a qualcuna o qualcuno che conosci, puoi inoltrarla liberamente. Anzi, grazie anche da parte nostra!

Hai ricevuto questa email da una persona che ha cura di te? Bello saperlo, vero? Per riceverla anche tu puoi iscriverti da qui oppure puoi leggere l'ultimo invio per farti un'idea. In ogni caso, è bello averti incontrato anche solo per un momento! 
Spazi dell'anima è l'ambiente di Bottega Filosofica dedicato alle persone.
Bottega Filosofica è Società BenefitB-Corp.
Copyright © 2021 Spazi dell'anima, Laboratorio di sviluppo personale.
Corsi e workshop, in sede e online: una cassetta degli attrezzi per vivere più felice.



Email Marketing Powered by Mailchimp