Copy
Problemi nella visualizzazione? Apri la newsletter nel browser.
Negli ultimi giorni ho sentito alcuni amici che lavorano in proprio qui a Vienna e tutti dicono che la situazione è veramente difficile. 

Il nuovo lockdown li ha fatti ripiombare in uno stato di incertezza: chi può tiene aperta la propria attività, con il rischio di contagiarsi, mentre gli altri si chiedono se gli aiuti statali basteranno, e se veramente a dicembre si potrà tornare ad almeno una apparenza di normalità.

(io ne dubito: i numeri degli ultimi giorni indicano che la crescita esponenziale si è fermata, ma i nuovi casi giornalieri sono ancora molto alti per poter pensare che in esattamente 14 giorni tutto possa tornare come prima) 

Ma mentre le grandi aziende possono facilmente superare questo momento, potenziando il loro shop online o facendo offerte per recuperare il perduto, chi ha un piccolo negozio o una attività in proprio vive del contatto con i clienti, e il coronavirus sta distruggendo tutto il lavoro fatto finora. 

A Vienna ci sono tanti italiani che hanno investito per portare qui un po' del nostro Paese. Li trovate sulla mappa interattiva WienItaly oppure sulla pagina dei professionisti italiani, due piccoli progetti che ho creato oltre al blog.

Molti li conosco personalmente e penso sia il momento che la comunità italiana cerchi di dare una mano: facendo acquisti presso di loro, consigliandoli ad amici e colleghi, o anche solamente contattandoli e dandogli il nostro supporto in qualunque modo sia possibile.

Affinché anche dopo la fine di questa pandemia ci sia ancora una bella e vivace comunità che renda Vienna più italiana.

I numeri della settimana: 
  • i casi attivi in tutta l'Austria sono attualmente 75.540 (913 in meno rispetto a sette giorni fa)
  • i ricoverati in ospedale 4.458 (+280), di cui 683 (+84) in terapia intensiva. I deceduti 2.388 (+559).
  • la regione con più casi attivi rimane Vienna (15.659) seguita da Stiria (12.719), Alta Austria (12.120), Bassa Austria (10.766), Tirolo (7.144), Salisburgo (6.560), Carinzia (4.517), Voralberg (4.273) e Burgenland (1.782).

***


A Vienna c'è chi sale...
Come lui stesso ha affermato, durante la campagna elettorale sono state più le occasioni in cui ha dovuto spiegare chi era rispetto a quelle in cui ha presentato il suo programma. E ora invece Christoph Wiederkehr grazie all'ingresso del suo partito nella coalizione di governo con i socialdemocratici sarà vicesindaco di Vienna a soli 30 anni e forse questo potrebbe essere soli il primo passo per una carriera a livello nazionale. La partecipazione al governo di Vienna è infatti un vero banco di prova per i NEOS: dovranno dimostrare che hanno la stoffa per tenere testa ai potenti socialdemocratici come promesso in campagna elettorale, e non essere solo una spalla comoda che si accontenta di qualche progetto mediatico (come l'idea di una funicolare) per poter ambire ad essere rilevante a livello nazionale. 

…e c'è chi scende
Mentre nasceva il governo social-liberale a Vienna, Birgit Hebein, che ha ottenuto il miglior risultato di sempre per i Verdi a Vienna (14,8%), veniva silurata dal suo stesso partito. Dopo il fallimento delle trattative per il prosieguo della coalizione con i socialdemocratici, i suoi colleghi eletti nel consiglio della città le hanno infatti negato ogni carica: né uno dei posti da assessore (senza portafogli) che spettano al partito, né quello di capo di delegazione. Hebein al momento rimane ancora capo della sezione di Vienna del partito, ma ha già fatto capire che passerà la mano. E' tutto da capire quali conseguenze avrà questa nuova situazione sul partito nel lungo periodo, sia a Vienna che a livello nazionale (dove vi ricordo è al governo con l'ÖVP). 
 

***


Nuovi appuntamenti del Club di Lettura
Anche se Vienna è in lockdown la nostra voglia di discutere di letteratura rimane intatta e gli incontri del Club di Lettura di cui sono tra gli organizzatori proseguono (anche se solo online). Il prossimo appuntamento sarà il 15 dicembre, dalle 18:00 alle 19.30, con la discussione di "L'Agnese va a morire" di Renata Viganò. Se volete partecipare iscrivetevi alla newsletter qui e vi arriveranno tutte le informazioni. 
 

***

Inizia l'avvento
La corona dell'Avvento può aiutare a misurarci con il tempo presente, a non anticipare ciò che avverrà e attendere che la festa arrivi, per poi viverla appieno.
Ho ritrovato questa bella frase in un articolo pubblicato qualche anno fa sul blog e penso che sia proprio adatta a questo tempo di attesa. Domenica prossima - 29 novembre - inizia l'avvento. 

***

Le guide gratuite di QuiVienna
Sono sempre a vostra disposizione le guide gratuite, da leggere e scaricare:

***


Aiutami a far conoscere la newsletter
Se ti piace questa newsletter, consiglia ad un amico di iscriversi, oppure inoltragliela, grazie!

***


Hai una domanda o un'idea per la prossima newsletter?
Scrivimi a paolo@quivienna.com oppure rispondi a questa email. 
 
Alla settimana prossima!
Paolo
Copyright © 2020 QuiVienna

Vuoi cambiare il modo in cui ricevi questa newsletter?
Puoi modificare le preferenze oppure annullare la tua iscrizione.

Se ti hanno inoltrato questa newsletter puoi iscriverti qui e riceverla ogni lunedì mattina.

Email Marketing Powered by Mailchimp