Copy
Problemi nella visualizzazione? Apri la newsletter nel browser.
Avrei voluto dedicare interamente questa newsletter alle vaccinazioni contro il coronavirus che inizieranno presto anche in Austria, ma il governo mi ha cambiato i piani, annunciando un nuovo lockdown totale

In molti sono rimasti sorpresi da questa decisione, anche io: quello precedente non è stato dunque sufficiente? Se sì, allora perché sono stati riaperti i negozi il 7 dicembre? E perché a Natale continua a rimanere permesso incontrarsi senza praticamente alcuna limitazione? 

Mi sembra che la strategia del governo austriaco continui a procedere per tentativi, e l'impressione che ho leggendo varie reazioni è che la popolazione sia confusa e si senta lasciata a se stessa.

Non c'è chiarezza su come comportarsi, su cosa sta funzionando e cosa no, nessuno al governo sembra prendersi le proprie responsabilità e si continua a ripetere che "le prossime settimane saranno quelle decisive", senza dare una vera prospettiva per il futuro.

Per il momento non possiamo però fare altro che attenerci a queste nuove restrizioni. Come probabilmente già saprai saranno in vigore dal 26 dicembre al 18 gennaio (qui le ho riportate nel dettaglio). Da questa data è prevista la riapertura di negozi e ristoranti, ma solo per chi potrà presentare un test negativo.

Nei giorni precedenti (dal 15 al 17 gennaio) sono infatti programmati nuovi test di massa su tutta la popolazione. E' previsto che chi non prenderà parte dovrà rimanere in quarantena per un'altra settimana. 

Su questo aspetto mi sembra che ci siano molti punti ancora da chiarire:
  1. Come dovrebbe Vienna - che ha 2 milioni di abitanti - testare tutta la popolazione in tre giorni? 
  2. Come si controllerà all'ingresso dei negozi e ristoranti se una persona ha fatto il test o no? Già adesso vedo spesso persone senza mascherina, e nessuno gli ha mai detto nulla. Inoltre non credo che un commerciante possa richiedere questi dati personali.
  3. In questo modo mi sembra che si diffonda di nuovo il messaggio che fatto il test si è a posto e si può andare al ristorante senza problemi, mentre è ovvio che è valido forse per le ore subito successive, ma non una settimana dopo.
  4. Infine mi chiedo, dopo tre settimane di lockdown, in cui in teoria non si deve incontrare nessuno, a cosa serve testare di nuovo tutti? Non sarebbero sufficienti le persone che hanno contatti con situazioni a rischio?
Non so cosa ne pensi tu - forse sono io ad essere troppo polemico - ma ho l'impressione che si siano fatti nuovamente degli annunci populistici senza riflettere su come implementarli e sulle conseguenze che comportano.

I numeri della settimana:
  • i casi attivi in tutta l'Austria sono attualmente 30.290 (6.593 in meno rispetto a sette giorni fa)
  • i ricoverati in ospedale 2.887 (-557), di cui 475 (-102) in terapia intensiva. I deceduti sono 5.351 (+878).
  • la regione con il maggior numero di casi attivi rimane la Stiria (6.804), seguita da Vienna (5.672), Bassa Austria (5.277), Alta Austria (4.110), Salisburgo (2.334), Tirolo (1.873), Voralberg (1.833), Carinzia (1.715) e Burgenland (672).
Arrivano le prime vaccinazioni anche in Austria
Come accennato anche in Austria dal 27 dicembre inizieranno le prime vaccinazioni contro il coronavirus. Si tratta di una piccola quantità simbolica (10.000 dosi), mentre da gennaio ce ne saranno a sufficienza per proteggere il personale sanitario e le persone più a rischio. In base alla produzione e alla eventuale autorizzazione di altri vaccini si prevede che una vera e propria campagna di massa dovrebbe essere possibile entro l'estate. 

Test e tamponi gratis prima di Natale
A proposito di proteggersi dal coronavirus, ho scritto un articolo sul blog per chi sarà a Vienna per Natale e pensa di trascorrerlo con altre persone (non essendo vietato). Il consiglio è di farsi testare per evitare problemi, è gratis e si può fare presso vari drive-in in città.

Messe di Natale in italiano a Vienna
Sempre per chi sarà a Natale a Vienna e vuole seguire la liturgia in italiano, ci sono alcune possibilità: presso la Chiesa dei Frati Minori (Minoritenkirche) sia alle ore 23:00 del 24 dicembre che alle ore 11:00 del 25 dicembre. Presso la Chiesa della Santissima Trinità il 24 dicembre alle ore 22:00 e il 25 alle ore 11:30. Si svolgeranno naturalmente nel rispetto delle misure anti-covid.

Riccardo Muti dirige il concerto di Capodanno
Il 1 gennaio 2021 Riccardo Muti dirigerà il tradizionale concerto di Capodanno nella sala dorata presso il Musikverein, che come già annunciato si svolgerà quest'anno senza pubblico a causa del lockdown. Sarà però trasmesso come sempre in tutto il mondo, a partire dalle 11:15. 

La linea 5 della metropolitana
A gennaio è previsto l'inizio dei lavori di costruzione della linea 5 della metropolitana, colmando un vuoto - soprattutto numerico - a cui però ormai molti viennesi si sono affezionati. Se volete saperne di più su questa lacuna, trovate qui le lunghe vicissitudini. La data prevista di fine lavori è il 2026.

Non mi resta che concludere augurandoti un Felice Natale, quest'anno per molti diverso dal solito ma che spero potrà comunque essere sereno, sia per te che per i tuoi cari.
A lunedì prossimo! 

Paolo

P.S. Se ti piace questa newsletter, consiglia ad un amico/a di iscriversi, oppure inoltragliela, grazie!
Sono Paolo Manganiello e vivo a Vienna dal 2004. Da quasi dieci anni scrivo il blog QuiVienna dove racconto la mia città e tutto quello che succede in Austria.

Se mi vuoi contattare rispondi a questo messaggio o scrivimi a paolo@quivienna.com, mi farà piacere sapere cosa ne pensi di questa newsletter!

Copyright © 2020 QuiVienna

Vuoi cambiare il modo in cui ricevi questa newsletter?
Puoi modificare le preferenze oppure annullare la tua iscrizione.

Se ti hanno inoltrato questa newsletter puoi iscriverti qui e riceverla ogni lunedì mattina.

Email Marketing Powered by Mailchimp