Copy
Newsletter di Daniela Gasparini.

NEWSLETTER N. 47/2016


SPECIALE REFERENDUM

COMITATI CINISELLO BALSAMO
11 SETTEMBRE


8 settembre 2016

11 SETTEMBRE 2016:
COMITATI PER IL "SI'" IN PIAZZA!

Ferie poff! finite e dimenticate. Settembre, gran casino al Comune di Roma e me ne dispiace perché la nostra capitale si meriterebbe Amministratori più capaci (una volta eletti Sindaci si é prima di tutto Amministratori pubblici, non rappresentanti di partito) e perché Roma non é solo dei romani ma di tutti gli italiani.
 
Settembre, si ricomincia anche a parlare/sparlare della Riforma Costituzionale e del relativo Referendum. Io sono fermamente convinta che sia utile per il Paese votare "Sì" e debbo dire che alcuni oppositori di alto profilo (Gustavo Zagrebelsky, il suo libro "Moscacieca" è un esempio) costringono tutti ad una riflessione,  ponendo posizioni di grande rispetto. Invece, quando vedo e ascolto il mio vecchio segretario di partito Massimo D'Alema, che con arroganza e livore sostiene di votare "No" al Referendum e pretende di essere invitato alle Feste di Partito, io mi arrabbio molto! Non concordo che chi é iscritto al Partito Democratico organizzi la sua personale opposizione costituendo "Comitati del NO" dopo che la direzione nazionale PD e i gruppi parlamentari hanno espresso con chiarezza e nelle sedi statutarie il loro sostegno alla riforma. Per un sano e democratico confronto tra il "Sì" e il "No", si invitino alle feste del PD e nei confronti pubblici del PD gli intellettuali, i politici di altri partiti, i costituzionalisti che NON sono d'accordo sulla riforma. Perché è come in un’azienda, non sarebbe accettabile che le decisioni prese dal consiglio di amministrazione non fossero rispettate da uno dei suoi dirigenti... rovinerebbe l'immagine dell'azienda e creerebbe disorientamento – così dovrebbe valere anche nel Partito Democratico, specie su un tema così netto come un Referendum sì/no.
 
Fortunatamente a Cinisello Balsamo noi dirigenti del Partito Democratico discutiamo molto ma poi siamo compatti e dunque stiamo facendo buoni preparativi per la campagna  Referendaria.
La prima iniziativa é l'11 settembre, abbiamo pensato che per riprendere serviva un incontro di festa, per questo si ballerà in Piazza Gramsci, ma l'avvenimento importante della serata è la presentazione dei 10 Comitati che hanno aderito alla piattaforma nazionale "Bastaunsì" più 1 comitato indipendente – questa è la forza della campagna referendaria: non solo i militanti ma anche i cittadini e le cittadine non iscritte a nessun partito si mobilitano per sostenere il "Sì" al referendum.
 
Spero di vedervi numerosi domenica sera 11 settembre in piazza Gramsci...
 
Daniela
P.S.
Molti mi chiedono quando si vota. Boh! Ho cercato di darvi un’anteprima facendo qualche spiata a Roma, ma sembra impossibilissimo... Comunque al massimo il 3 dicembre.

MA NON SOLO FESTA:
CONFRONTI PUBBLICI SULLA RIFORMA

I Comitati per il "Sì" di Cinisello Balsamo oltre alla presentazione in festa dell'11 settembre stanno organizzando una serie di iniziative di sostegno e approfondimento. Qui sotto gli appuntamenti già fissati.

I COMITATI PER IL "SI'" A CINISELLO BALSAMO

Con diversi approcci politici, ecco gli 11 Comitati a sostegno del "Sì" di Cinisello Balsamo:

1 -#ora si cambia
Referente: Alessio Tossuti - orasicambia@outlook.com
2 - Donne per il sì - Cinisello Balsamo
Referente: Mariella Rosati - mariellarosati46@gmail.com
3 – Costituzione 2.0
Referente: Davide Veronese - costituzione2.0@hotmail.com
4 - Lasciamo la Costituzione migliore di come l'abbiamo trovata
Referente: Mauro Gandini - maugand@tin.it
5 - Democratici per le riforme
Referente: Luigi Marsiglia - luigi.marsiglia@yahoo.com
6 - Basta un Sì per un'Italia migliore
Referente: Carmelo Vitale - sì.italiamigliore@gmail.com
7 - L'Italia chiamò, sì
Referente Alessandro Viapiana - a.viapiana@gmail.com
8 - Comitato Cooperatori Nord Milano
Referente: Roberto Imberti - roberto.imberti@fastwebnet.it
9 - Socialisti per il SÌ
Referente: Carmelo Foti - linnicf@gmail.com
10 - CooperSì
Referente: Diego Volpini - diego.volpini@live.it
11 - Comitato Indipendente "Sì amo l'Italia"
(non iscritto alla piattaforma nazionale Bastaunsì)
Referente: Salvatore Vitale - siriforma.cinisellobalsamo@gmail.com

 
Il dibattito per il Referendum Costituzionale è un'occasione pubblica di tornare alla politica "in strada", quella vera. Se qualcuno di voi volesse "entrare in campo", può iscriversi ad uno dei Comitati già presenti o anche creare un suo nuovo Comitato! Chiedi come fare ad uno dei Comitati già attivi oppure vai direttamente al sito www.bastaunsi.it.

UN CAFFÈ E QUATTRO CHIACCHIERE SUL REFERENDUM?

Si chiamavano "riunioni di caseggiato", ed erano una bella occasione per un incontro non formale dove “parlarsi” senza veli come si fa in famiglia! I parlamentari del Nord Milano, gli Assessori e i Consiglieri Comunali che sostengono il "Sì" saranno felici di essere presenti per bere un caffè insieme e parlare della riforma!
 
Potrebbe essere una sera o un pomeriggio “diverso” in cui invitate i vostri amici o vicini di casa a parlare di una questione importante per le prospettive del nostro Paese (per lo Stato, per la città in cui si vive, ma anche per ognuno di noi).
Se volete organizzare un incontro nella sede di un circolo o a casa vostra, telefonate a Mariella Rosati 391-1712562 per definire data e organizzazione.

IN PILLOLE: PERCHÉ "Sì" AL REFERENDUM? 

La Riforma Costituzionale ha obiettivi di cui i partiti di destra, di centro e di sinistra parlano da anni. Ne riparleremo ancora, ma intanto, solo per inquadrare il tema, riporto qui sotto un sintetico bigino delle ragioni del Sì. Con chi propende seriamente per il "No" discuteremo appassionatamente. E con chi sotto sotto pensa "Sì" ma dice "No" per odio alla politica, a  Renzi, al governo? Beh, c'era uno che per far dispetto alla moglie, si tagliò... i baffi.
Supera il bicameralismo?
SÌ! Il bicameralismo rimane solo sul 3% delle leggi. Le competenze Stato-Regioni sono più chiare rispetto all'attuale Costituzione che ha generato oltre 1500 ricorsi dal 2001 a oggi.
Diminuisce i costi della politica?
SÌ! I risparmi complessivi sono circa 500 milioni di Euro all'anno. Se si riducono le competenze del Senato è normale ridurre il numero dei senatori.
È il frutto della volontà autonoma del Parlamento?
SÌ! Il governo ha presentato il disegno di legge iniziale, ma in Parlamento sono state fatte più di 120 modifiche.
È una riforma legittima?
SÌ! La Corte Costituzionale, quando ha dichiarato incostituzionale il Porcellum, ha detto che la sentenza non aveva "nessuna incidenza" sui poteri del Parlamento, che in quel momento stava già discutendo una riforma costituzionale. Se avesse voluto vietarlo, la Corte lo avrebbe detto esplicitamente.
È una riforma chiara e comprensibile?
SÌ! Nessun testo di legge è perfetto, ma non è vero che ci sono norme incomprensibili. Basta leggere...
Garantisce la sovranità popolare?
SI! La riforma non espropria nulla alla sovranità popolare e non dà nessun potere in più alla maggioranza. La riforma elettorale Italicum attribuisce il premio di maggioranza a chi ottiene il 40% al 1° turno, o vince il ballottaggio. Se gli elettori votano al ballottaggio, può vincere solo chi ha la maggioranza.
Se c'è assenteismo, è giusto che decida chi a votare ci va, come in qualsiasi sistema a doppio turno.
Produce semplificazione?
SÌ! I procedimenti sono solo due: quello in cui le camere votano con uguali poteri e quello in cui il Senato esprime proposte non vincolanti che la Camera può accettare o no. Ci sono piccole varianti, ma sono chiarissime e semplici da applicare.
È una riforma innovativa?
SÌ! La riforma ridà allo Stato competenze che era assurdo dare alle regioni, come il commercio internazionale, le infrastrutture, l'energia, il turismo. Non si prevede nessuna riduzione dei mezzi finanziari delle regioni che vengono rese più efficienti, eliminando i finanziamenti ai gruppi consiliari e mettendo un tetto alle indennità dei consiglieri.
Amplia la partecipazione diretta da parte dei cittadini?
SÌ! Oggi quasi nessuna legge di iniziativa popolare arriva a essere discussa. La riforma alza il numero di firme necessario a 150.000 ma garantisce che le leggi popolari siano votate entro tempi certi.
Garantisce l'equilibrio tra i poteri costituzionali?
SÌ! Le garanzie sono superiori a quelle attuali. Oggi la maggioranza può eleggere da sola il Presidente della Repubblica. Con l'Italicum la maggioranza ha 340 parlamentari. Per eleggere il Presidente della Repubblica ci vogliono come minimo 438 voti e quindi serve il voto di 98 senatori, il che è impossibile senza l'opposizione. Il Presidente nomina cinque membri della Corte Costituzionale. Altri cinque li nomina la magistratura. Solo cinque li nomina il Parlamento. Quindi almeno 10 su 15 saranno indipendenti dalle scelte parlamentari

PER CHI VOLESSE APPROFONDIRE...

Per approfondire i contenuti della Riforma Costituzionale e le ricadute sull'organizzazione dello Stato e sulla vita dei cittadini, i Comitati "Sì amo l'Italia" e "Costituzione 2.0" di Cinisello Balsamo hanno strutturato delle serate di informazione e formazione. Gli incontri sono iniziati il giorno 5 settembre e proseguiranno fino al 23 settembre 2016 e si terranno in via Sant'Eusebio 25, a Cinisello Balsamo. Partecipazione libera! Per informazioni rivolgersi a: siriforma.cinisellobalsamo@gmail.com, telefono 348-2237476.
Il giorno 11 settembre Salvatore Vitale, referente del Comitato "Sì Amo l'Italia" ed autore di "Riformare la Costituzione? Bastian non è contrario!", presenterà ed offrirà una copia del libro agli interessati intervenuti in piazza Gramsci a Cinisello Balsamo. Il libro è anche in vendita presso la Libreria "Il Centro" in Via Libertà a Cinisello Balsamo ed il 100% del ricavato della vendita sarà devoluto a sostegno di iniziative istituzionali a favore dei terremotati di agosto 2016. 

SEGUIMI

Twitter
Twitter
Facebook
Facebook
Sito
Sito

CONDIVIDI

Share
Tweet
Forward to Friend
+1
Share
Copyright © 2016 Daniela Gasparini, Tutti i diritti riservati.
Cancellati dalla newsletter 

Email Marketing Powered by Mailchimp