Copy
Newsletter di Daniela Gasparini.

NEWSLETTER N. 20/2014

24 marzo 2014

 

RENZI, UN “UFO” IN PARLAMENTO…

È quello che ho pensato nel vedere Matteo Renzi al tavolo del Governo il giorno della fiducia. Fino ad ora era innaturale vedere una persona così giovane ricoprire quel ruolo, ma sono molto contenta perché sono certa che sia in grado di rompere ritmi e schemi della “politica palude”.
 
Agli occhi di tutti i presenti in aula, Renzi è apparso un po’ come un extraterrestre da cui ci si aspettano poteri speciali per sconfiggere DragoCrisi! E molti, proprio come nei film quando atterra l’UFO, sono rimasti sbalorditi in attesa di capire se sia meglio seguirlo oppure usare tutte le armi per neutralizzarlo.
 
È un bene che sia prevalsa tra i deputati la speranza che Matteo Renzi sia in grado di portarci fuori dallo stallo che ormai paralizza il nostro Paese ponendosi obiettivi numerosissimi ma chiari: cambiare le regole che soffocano cittadini e imprese, tutelare i più deboli, riformare la Camera con un nuovo regolamento, trasformare il Senato, rifare la legge elettorale, riformare la PA, rendere più trasparente la democrazia, affrontare il dramma della disoccupazione, spingere l'Europa, etc.
Obiettivi numerosi, importanti, difficili, lanciati in un disegno globale e con un senso di sfida che, nelle tecniche di formazione manageriale, si chiama outrageus request, ovvero la “richiesta impossibile”: si passa da “Spero di fare almeno 80...” a “... e perché non 200?”.
 
Credo che la scelta fatta dalla Direzione del Partito Democratico – di mettere in gioco il segretario nazionale Matteo Renzi – sia il segnale inequivocabile che tutto il Partito Democratico si sta mettendo in gioco per le riforme e per “cambiare verso” per davvero.
 
E intanto Renzi si sta conquistato l’opinione pubblica. I sondaggi danno il PD in aumento di consensi e quindi chi pensa ­­– dentro o fuori dal PD – di fare troppi distinguo e rallentare la “macchina” delle riforme, dovrà fare i conti con i cittadini.
 
Daniela
 
P.S.
E sul piano umano? Anche nelle riunioni interne al PD, Renzi è tutt’altro rispetto ai riti e ai modi dei leader precedenti. È diretto, senza peli sulla lingua, è molto focalizzato sugli obiettivi concreti, poco incline ai particolarismi; ha una chiara idea di un partito-strumento per raggiungere risultati di riequilibrio sociale, di pari opportunità, di tutela dei più deboli; ha una memoria di ferro, una velocità pericolosa, e qualche volta un fare guascone… che a me è simpatico, perché dissacra liturgie inutili. 

UN MERCOLEDÌ DA LEONI…
DALLE PAROLE, AI PROGRAMMI, AL FARE

Eccoli i provvedimenti decisi mercoledì 12 marzo 2014 dal Consiglio dei Ministri. Tanti e a tutto tondo, perché per essere coerenti occorre agire contemporaneamente su più fronti, per modernizzare l’Italia con una strategia complessiva che renda possibile la ripresa economica.
 
Lo sanno bene i manager a capo di grandi Aziende che sono alla continua ricerca di sinergia ed equilibrio tra tutte le funzioni e le leve aziendali: Produzione, Logistica, Marketing, Vendite, Personale, Costi, Prezzi, Volumi… Abbassare i costi? Aiuta le vendite ma soffoca la ricerca e il personale. Aumentare la produzione? Aiuta la crescita dei volumi ma diminuisce qualità e margini. Aumentare i prezzi? Ma riduce le vendite…
 
I progetti e i provvedimenti annunciati dal Governo (quelli delle slide “la svolta buona”, potete guardarle qui) sono tanti e, a mio avviso, appaiono distribuiti ed equilibrati. Riporto i più importanti:
 
IRPEF: taglio da 10 miliardi sui redditi fino a 1.500 euro netti. (80/100 euro in busta paga al mese).
IRAP: taglio del 10% coperto con aumento prelievo rendite finanziarie (esclusi BOT).
Debiti Pubblica Amm.ne: sblocco pagamenti per 68 miliardi di debiti entro luglio.
Riforme Costituzionali: superamento bicameralismo perfetto, e riforma del Titolo V della Costituzione per chiarire chi “fa che cosa” tra Stato e Regioni.
Lavoro Tempo Determinato: il termine di durata del rapporto di lavoro, ora fissato in 12 mesi, passa a 36 mesi.
Apprendistato: assunzione di nuovi apprendisti non più condizionata all’assunzione di almeno il 50% a tempo indeterminato.
Casa: la cedolare secca sugli affitti viene ridotta dal 15% al 10%; ri-finanziato il fondo affitti con 100 milioni e il fondo “morosità incolpevoli” con 226 milioni.
Bonus Mobili: fino al 31/12/2014 detrazione al 50% del costo dei mobili se si ristruttura casa.
Energia: il costo dell’energia per le piccole e medie imprese verrà ridotto del 10%.
Scuola: 3,5 miliardi di euro per ristrutturare le scuole e renderle più sicure.
 
Adesso è aperto il dibattito. Ovviamente, per alcuni il bicchiere è mezzo pieno e per altri mezzo vuoto, ma almeno nessuno si azzarda a dire che NON C’È IL BICCHIERE, tutti riconoscono che è in atto quel cambiare verso necessario che era stato promesso dal nuovo PD, quello che si mette in gioco. 

Approfondimenti
Decreto Legge per l'emergenza abitativa
Disegno di Legge delle Riforme Costituzionali

LEGGE ELETTORALE: ITALICUM

Il pacchetto delle riforme è stato presentato il giorno dopo dell’approvazione alla Camera della legge elettorale. Un’approvazione più importante del contenuto, perché da troppi anni il Parlamento non era stato capace di riformare la legge elettorale. La legge dovrà ora essere approvata dal Senato e sicuramente ci saranno ulteriori miglioramenti.
 
Allego le slides di spiegazione sintetica della legge, molto utili per capire il meccanismo, ma desidero condividere sinteticamente con voi quello che io credo sia essenziale fare per renderla più coerente:
  1. Questa legge non garantisce governabilità se non si riforma contemporaneamente il Senato; quindi è essenziale non avere indugio sul percorso delle riforme costituzionali, è importante iniziare subito al Senato la riforma del bicameralismo e la riforma del Titolo V.  
  2. Occorre introdurre norme anti-discriminatorie per garantire che in Parlamento siano rappresentanti sia uomini sia donne. L’Italicum è una legge con liste corte bloccate, sono quindi i partiti che compongono le liste e per questo è giusto che ci siano norme che garantiscano la rappresentanza di genere. 
Approfondimenti
La nuova legge elettorale: Dossier PD

PROVINCE, CITTÀ METROPOLITANE, UNIONE DEI COMUNI

Mi sto preparando a dare ancora una volta il mio contributo affinché si concluda in tempi utili l’iter approvativo di questa legge di riforma, per non andare al voto per le Province, per permettere ai Comuni più piccoli di avere una giusta rappresentanza e per avviare le Città Metropolitane. 
La legge si era bloccata al Senato per colpa dell’ostruzionismo di Forza Italia (sono più di 2000 gli emendamenti presentati) ma, sulle indicazioni della ministra Maria Elena Boschi e di Anna Finocchiaro, Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato, si prevede che entro fine marzo corrente sarà approvata. Spetterà poi a noi alla Camera “volare” per recuperare il tempo perso e poter applicare la legge nei Comuni che vanno al voto già dal prossimo maggio.
Per quanto riguarda la mia Milano, mi fa piacere che il Sindaco Pisapia abbia dichiarato che intende ricandidarsi nel 2016, peccato che non abbia precisato per che cosa, se per Milano Città o per la Milano Metropolitana. Poiché nella legge in discussione è stato accettato un mio emendamento che permette il voto del Sindaco Metropolitano di Milano già a partire dal 2016, sarà importante stabilire quale livello della sfida il Comune Capoluogo intenda giocare.
 
Io credo che, se a Roma bisogna riformare il bicameralismo trasformando il Senato in “Senato delle Autonomie” dando un ruolo importante a Regioni e Comuni, a Milano occorreva “già da ieri” avviare il nuovo modello di cooperazione tra i Comuni per rendere più efficiente il sistema metropolitano, per definire un nuovo modello istituzionale, per avere un piano strategico di sviluppo dell'intera area metropolitana. Fino ad oggi il ruolo del Comune Capoluogo è stato troppo timido.
 
Fortunatamente è dalla Periferia dell’Impero Milanese che incalza la voglia riformatrice: ho partecipato all’incontro programmato dal Partito Democratico il 15 febbraio a Cernusco sul Naviglio, dove sono stati presentati i documenti frutto del lavoro di molti amministratori locali e militanti. Desidero ringraziare il segretario di zona Giorgio Sfreddo che ha inteso il suo ruolo come promotore della rete e come garante del processo di riforme a partire dai Comuni e quindi dai cittadini.
 
Per capirci, elenco solo i titoli dei documenti presentati e discussi:
  • La via della cooperazione intercomunale per governare il territorio metropolitano
  • Welfare locale Adda Martesana: una visione comune come opportunità
  • Progetto start-up per EXPO
  • Città Metropolitana: prepararsi per cogliere opportunità e finanziamenti
  • Avvio Associazione Adda Martesana 2024: uno strumento per la sfida politico-amministrativa delle forze progressiste
Infine suggerisco di guardare l’importante lavoro fatto dal PIM (www.pim.mi.it) su commissione del Comune di Milano, che oltre a fare una fotografia sull’organizzazione del sistema milanese e quindi su “chi fa che cosa” oggi, indica cosa succede con l’attuazione delle norme per le Città Metropolitane. È uno strumento utile per capire quali sono le opportunità da cogliere e per individuare per tempo i possibili problemi da affrontare con Stato e Regione affinché questo nuovo livello istituzionale sia veramente efficace! Sicuramente il tema più importante è quello di definire meglio le risorse e le autonomie della Città Metropolitana. 

INTERROGAZIONI PARLAMENTARI 

Elenco alcune interrogazioni che ho promosso e firmato recentemente:
 
CINISELLO BALSAMO: SS36 IN CROCETTA E CORNAGGIA
I comitati del Quartiere Robecco e del Quartiere Crocetta mi hanno chiesto aiuto in merito ai ritardi dei lavori dei cantieri sulla Strada Statale 36 (direttiva Lecco - Milano) e al conseguente aumento locale di traffico e inquinamento. Ho presentato interrogazione al Ministro Maurizio Lupi, a supporto delle azioni promosse dalla Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo e dai comitati dei cittadini. 
Ritardo opere SS36
Interrogazione Parlamentare 01
Interrogazione Parlamentare 02

EMERGENZA CASA E SFRATTI
Ho presentato altre 2 interrogazioni sul tema della emergenza casa, sollecitando, a fronte della perdurante crisi economica, il fondo sostegno affitti (morosità incolpevole) e la graduazione degli sfratti. Per approfondimento vedi i link con il testo delle interrogazioni e il comunicato stampa.
Comunicato stampa
Interrogazione Parlamentare 01
Interrogazione Parlamentare 02

CINISELLO BALSAMO: MUSEO DELLA FOTOGRAFIA
Essendo cambiato il ministro ai Beni Culturali ho richiesto di nuovo l’attuazione dell’ordine del giorno approvato dal Parlamento per il riconoscimento del Museo di Fotografia Contemporanea (www.MuFoCo.org) di Cinisello Balsamo. Il museo ha avuto un importante riconoscimento: MuFoCo è tra i 15 musei di fotografia più importanti al Mondo.

MISSIONI INTERNAZIONALI

Ho relazionato in Commissione Affari Costituzionali (di cui faccio parte ed alla quale spettava dare un parere di costituzionalità) in merito al provvedimento di proroga delle Missioni Internazionali, che è stato positivo. 
 
Allego una scheda di sintesi della legge perché ritengo interessante conoscere dove i nostri soldati sono impegnati per difendere la Pace, e lo fanno mettendo anche a rischio la vita. 
 
Aggiungo, a titolo personale, che sono sensibile al tema e l’ho approfondito perché mio figlio partecipò, quando era in servizio militare alla missione Italiana in Somalia Restore Hope. Per questo conosco in prima persona l’aiuto concreto che i nostri ragazzi possono portare a popoli che vivono situazioni difficilissime, e il valore che questo aiuto rappresenta. 

LEGGI SOTTOSCRITTE

Ho sottoscritto alcune leggi che condivido:
  • Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale, alla legge 26 luglio 1975, n. 354, e al testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, per favorire i rapporti tra detenute madri e figli minori e l'esercizio della responsabilità genitoriale dei detenuti, nonché in materia di istituzione delle case-famiglia protette (1934
    (presentata il 9 gennaio 2014, annunziata il 10 gennaio 2014)
  • Introduzione dell'educazione di genere nelle attività didattiche delle scuole del sistema nazionale di istruzione (1944
    (presentata il 10 gennaio 2014, annunziata il 13 gennaio 2014)
  • Introduzione dell'articolo 580-bis del codice penale, concernente il reato di istigazione a pratiche alimentari idonee a provocare l'anoressia, la bulimia o altri disturbi del comportamento alimentare, nonché disposizioni in materia di prevenzione e diagnosi precoce dei disturbi alimentari (1976
    (presentata il 21 gennaio 2014, annunziata il 22 gennaio 2014)
  • Disposizioni concernenti la redazione della Carta della potenzialità archeologica nonché la detraibilità, agli effetti delle imposte sui redditi, del valore delle donazioni di beni d'interesse archeologico in favore dello Stato (1982
    (presentata il 22 gennaio 2014, annunziata il 23 gennaio 2014)
  • Disciplina del sistema pubblico integrato per l'infanzia, per assicurare il diritto all'educazione e all'istruzione dalla nascita fino al sesto anno di età (2001)
    (presentata il 27 gennaio 2014, annunziata il 28 gennaio 2014)
  • Modifiche agli articoli 172, 180 e 180-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, determinazione di requisiti minimi per le imprese di intermediazione e gestione collettiva dei diritti d'autore, nonché delega al Governo per la revisione della disciplina secondo criteri di parità di condizioni tra i soggetti operanti nel settore (2011)
    (presentata il 28 gennaio 2014, annunziata il 29 gennaio 2014)
  • Dichiarazione di monumento nazionale della Casa Museo Cervi in Gattatico (2072)
    (presentata l'11 febbraio 2014, annunziata il 12 febbraio 2014)
Qui potete tenere d'occhio tutte le attività che svolgo alla Camera.

SEGUIMI

Twitter
Twitter
Facebook
Facebook
Sito
Sito

CONDIVIDI

Share
Tweet
Forward to Friend
+1
Share
Copyright © 2014 Daniela Gasparini, Tutti i diritti riservati.
Cancellati dalla newsletter 

Email Marketing Powered by Mailchimp