Copy
Newsletter di Daniela Gasparini.

NEWSLETTER N. 23/2014

27 giugno 2014

 

GOVERNO RENZI, CHE SCOSSA!

Dopo il passo di marcia veloce imposto da Matteo Renzi nei primi 100 giorni del governo, dal 25 maggio ora siamo alla corsa veloce perché dopo l’investitura popolare alle elezioni Europee la responsabilità è ancora più grande e dobbiamo passare dalla teoria degli annunci alla pratica delle realizzazioni.
 
Il Governo Renzi ha una solida maggioranza e può approvare le riforme di cui il Paese ha bisogno. Come primo atto il Parlamento ha convertito in Legge il decreto “Irpef” n. 66 del 2014, un provvedimento che rimette in moto una macchina dello Stato più semplice ed efficiente e restituisce risorse nelle tasche dei lavoratori dipendenti a reddito medio basso. In particolare il decreto prevede un bonus di 640 euro per i lavoratori dipendenti nel 2014 (i famosi 80 euro in più al mese da maggio a dicembre).
 
Il perché di questa riforma è facilmente spiegabile: i lavoratori dipendenti non evadono le tasse, non hanno paradisi fiscali e pagano alla fonte trattenute certe e definitive. Per questo il decreto Irpef parte oggi dai più deboli e copre anche i lavoratori che percepiscono sostegni al reddito fuori dal mondo del lavoro: cassa integrazione, indennità di mobilità, indennità di disoccupazione.
 
L’obiettivo di questo provvedimento è di contribuire al rilancio dei consumi e dell'economia reale che parte dal basso, dalle famiglie dei lavoratori, e anche di incoraggiare la voglia di tornare a credere nel Paese.
Avremmo voluto da subito destinare risorse anche a favore delle partite IVA, delle pensioni minime e degli incapienti (chi è senza occupazione e senza ammortizzatori sociali), ma in questa fase non c'erano risorse sufficienti. Per fare questo – e per far sì che il bonus diventi permanente – occorrono ulteriori risparmi nella spesa pubblica ed una lotta, senza se e senza ma, all'evasione fiscale.
 
Il Governo si è preso l’impegno che con la prossima legge di stabilità il bonus diventi permanente, per garantire una risorsa stabile su cui contare. Noi parlamentari vigileremo affinché questo avvenga con certezza.
 
Ma il decreto non prevede solo i famosi 80 euro! Altri importanti provvedimenti riguardano le imprese: un taglio complessivo del 10 per cento alle aliquote Irap; il tetto dello stipendio a 240.000 Euro lordi per i manager pubblici; l’obbligo della fatturazione elettronica per i pagamenti dovuti dalla PA; il taglio del 10 per cento alla bolletta elettrica; il rafforzamento dell'ACE (Aiuto alla Crescita Economica) con sgravi sulla patrimonializzazione delle imprese.
 
Altre grandi scelte strutturali hanno già tappe programmate per giugno/luglio: riforma del senato e del Titolo V; riforma della PA; riforma del Terzo Settore (volontariato, ONLUS, cooperative sociali). Sono argomenti che coinvolgono direttamente la mia Commissione alla Camera e, personalmente, sarò particolarmente impegnata sulla Riforma della Pubblica Amministrazione. Suggerimenti e proposte sono bene accette e per questo vi allego il testo predisposto dal Governo su questo tema.
 
Daniela

Approfondimenti:
Testo Gazzetta Ufficiale “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari”.
Report delle consultazioni con i cittadini.

LE RIFORME SONO “DONNA”:
LE TRE MARIE…

Sono certa che quando il Presidente del Consiglio ha deciso per una rappresentanza di Governo metà al femminile non ha pensato a gesti simbolici, ma sapeva che la concretezza di giovani donne in squadra avrebbe reso possibile l’attuazione di un programma innovativo. Non a caso le tre Ministre Maria Elena Boschi, Maria Anna Madia e Maria Carmela Lanzetta hanno le deleghe per le riforme più importanti, quelle istituzionali e costituzionali.
 
Vi allego le relazioni che le stesse hanno svolto nella Commissione parlamentare di cui faccio parte, indicando chiari obiettivi e progetti. 

Ministro Maria Elena Boschi - Riforme costituzionali e rapporti con il Parlamento:
Riforme audizione Boschi
Riforme audizione Boschi replica
 
Ministro Maria Anna Madia - Semplificazione e Pubblica Amministrazione:
- Audizione Madia
- Audizione Madia replica
 
Ministro Maria Carmela Lanzetta - Affari regionali e autonomie: 
- Riforme audizione Lanzetta 
- Riforme audizione Lanzetta replica

SOSTENERE LA CULTURA: ART-BONUS
Sconti fiscali per beni culturali e turismo

Lo sappiamo che i beni culturali sono il petrolio degli italiani e che la cultura è la benzina della crescita di un Paese. Investire in educazione e cultura vuol dire alimentare il motore “Capitale Umano” del Paese e la società post-industriale. Tutto questo si traduce in innovazione, ricerca, sviluppo sociale. E anche felicità individuale.
 
Oggi con il decreto Art-bonus sarà detraibile il 65% delle donazioni che le singole persone e/o le imprese faranno in favore di musei, siti archeologici, archivi, biblioteche, teatri e fondazioni liriche sinfoniche.  Anche le strutture turistiche potranno contare su un credito fiscale del 30% delle somme investite in ristrutturazioni.
 
A Cinisello Balsamo il Museo della Fotografia potrebbe essere aiutato da te o da qualcuno che conosci? Guarda il sito www.museofotografiacontemporanea.com  e capirai il patrimonio straordinario che questo museo, unico in Italia, ha accumulato nei 10 anni di attività.  

Approfondimenti:
Leggi il decreto-legge Art-bonus già in vigore (non ancora convertito in legge).

L'ITALIA SONO ANCH'IO
Diritto di voto nei Comuni e nelle Città Metropolitane

Nella commissione Affari Costituzionali è finalmente iniziata la discussione delle proposte di legge per il riconoscimento della Cittadinanza per i bambini nati in Italia.
 
Sia per il diritto di cittadinanza sia per poter eleggere i propri rappresentanti nei Consigli Comunali, è stata fatta negli anni scorsi un’importante campagna di sensibilizzazione sotto lo slogan “L’Italia sono anch’io”. Sono state raccolte le firme necessarie per presentare due proposte di legge di iniziativa popolare. Come Sindaco mi ero fortemente impegnata su questo tema e adesso, come parlamentare, ho voluto che fosse ripresentata la proposta di legge. Primo firmatario Giorgis, che aveva contribuito a scrivere la proposta già presentata nella XVI legislatura, e seconda firmataria la sottoscritta.
 
Approfondimenti:
Note dalla mia relazione 

DELEGAZIONE DI MAZZARINO A ROMA

Sono venuti a trovarmi a Roma gli amici di Mazzarino, provenienti dalla Sicilia e da Cinisello Balsamo. Abbiamo visitato il Parlamento a Montecitorio e poi, il 25 giugno, San Pietro in occasione dell’Udienza del Mercoledì del Papa. 

Elenco dei partecipanti

ASSOCIAZIONE “LA SVOLTA”
A CINISELLO BALSAMO

Un incontro tra amici per un impegno comune che ci unisce da molti anni: la tutela delle persone con disagio mentale. Ho partecipato con loro alla presentazione della proposta di legge per la partecipazione attiva di utenti, familiari, operatori e cittadini nei servizi di salute mentale e per promuovere equità di cure nel territorio nazionale. È una proposta di legge il cui primo firmatario è il mio amico e collega Ezio Casati.


Approfondimenti:
Il testo della proposta di legge

ULTIM'ORA…

Anche quest’anno la Compagnia Ambrosiana di Cinisello Balsamo ha fatto il pieno di premi al VII Festival del Teatro Amatoriale! Roma mi ha trattenuto e non ho potuto partecipare alla serata conclusiva, ma desidero condividere con tutti voi la gioia per il successo di tanti vecchi amici che hanno fatto del teatro e del dialetto milanese un veicolo di impegno culturale e sociale straordinario.

Premi vinti

SEGUIMI

Twitter
Twitter
Facebook
Facebook
Sito
Sito

CONDIVIDI

Share
Tweet
Forward to Friend
+1
Share
Copyright © 2014 Daniela Gasparini, Tutti i diritti riservati.
Cancellati dalla newsletter 

Email Marketing Powered by Mailchimp