Copy

newsletter EcoGeo

Obbligo di manutenzione dei DPI e la norma UNI EN 365

I dispositivi di protezione individuale devono mantenere le capacità protettive per tutto il periodo del loro impiego.
Il Capo II (Uso dei dispositivi di protezione individuale) del Titolo III del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro precisa chiaramente gli obblighi del datore di lavoro in merito alla scelta del DPI, alle condizioni in cui devono essere utilizzati, ai requisiti necessari. Inoltre scrive che il datore di lavoro (art. 77, comma 4):
a) mantiene in efficienza i DPI e ne assicura le condizioni d’igiene, mediante la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie e secondo le eventuali indicazioni fornite dal fabbricante;
(...)
I DPI non solo devono garantire la protezione del lavoratore, ma devono mantenere tale capacità per tutto il periodo del loro impiego!
RIEPILOGO DELLE ATTIVITA' DI  CONTROLLO E VERIFICA
 
Dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie (APVR)
1) Ispezione per l’accertamento di eventuali difetti;
2) Pulizia e disinfezione;
3) Manutenzione generale;
4) Documentazione delle attività e mantenimento della documentazione;
5) Immagazzinamento.

I dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie devono essere ispezionati dopo ogni impiego. Un apparecchio non usato con regolarità, ma tenuto a disposizione per l’emergenza, deve essere ispezionato non solo dopo ogni utilizzo ma anche ad intervalli di tempo regolari, in modo da essere certi che sia sempre in soddisfacenti condizioni di funzionamento”.
 
DPI anticaduta
- mantenimento in efficienza  secondo le istruzioni fornite dal fabbricante;
- Controllo dell’equipaggiamento prima del suo uso;
- Ispezione periodica

Nel caso sia  necessario, devono essere effettuate le adeguate riparazioni:
manutenzione: serve a mantenere il dispositivo in condizioni di funzionamento sicuro per mezzo di azioni preventive quali pulizia ed adeguato immagazzinamento (EN 365 ). Può essere eseguita dall’utilizzatore secondo le istruzioni fornite con la nota informativa;
ispezione periodica: si intende l’attività da condurre con regolare periodicità (almeno ogni 12 mesi) prevedendo un’approfondita ispezione del DPI per verificare la presenza di difetti. In questo caso l’attività deve essere svolta unicamente da persona competente e nel rispetto delle procedure d’ispezione periodica del fabbricante (EN 365 );
riparazione: attività svolta qualora insorgano dubbi o conclamati malfunzionamenti del DPI, sempre che il DPI sia riparabile. Deve essere svolta unicamente da persona competente per le riparazioni,preventivamente autorizzata dal fabbricante, in conformità alle istruzioni da esso impartite (EN 365 )”


 
Per approfondimenti ed informazioni contattare i nostri tecnici